Last Update:
15/08/2011
 


Home



GRANDE GUERRA
GREAT WAR

SERVIZI FOTOGRAFICI

Fronte Alpino

Strafexpedition
Primavera 1916

Caporetto
1917

Comando I Armata

Premiazione Alpini

U.S. Army in Italy

Altogarda - Pasubio

Gabriele D'Annunzio
Volo su Vienna

Vittorio Emanuele III
Il Re in visita al fronte

U.S. Army Col. Wallace

Volantini su Trento
3 Novembre 1918

Verso Trento
3 Novembre 1918


Orari ferroviari
1918


Curiosità varie


DIVISE
UNIFORMS

Dai moti del 1848
all'unità d'Italia


Giuseppe Garibaldi

1900

1900-1918

1920-1934

Italiani in camicia nera
[P.N.F.] - [M.V.S.N.]
[O.N.B.] - [G.I.L.]
[G.U.F.] - [O.N.D.]
[Alessandro Pavolini]


1934-1940

1940-1943



1943-1945

Il Fornte Russo
[C.S.I.R.]
[Arm.I.R.]


« "Tridentina", avanti! »

Marinai

Operation petticoat

Vittorio Emanuele III

Winston Churchill

Douglas Bader

Dwight Eisenhower

Bernard Montgomery

Benito mussolini

Adolf Hitler

Joseph Goebbels

Generale Erwin Rommel

Generale Patton

Dopoguerra
[Esercito Italiano]


Dopoguerra
[Totò]
[Don Camillo]
[Il giro del mondo in 80 giorni]
[John Wayne]
[Alberto Sordi]
[Don Matteo]
[Luciano Pavarotti]
[Steve McQueen]

Ritorno al futuro







Creative Commons License
Uniformi in guerra e pace
by
F.lli Sgaggero
is licensed under a
Creative Commons.





Privacy Policy

1940-1943

PAG. 24/58

Precedente
Precedente
Home
Indice
Successiva
Successiva

"La marcia era durata alcuni giorni e s'erano susseguite le battaglie, aspre tutte e disperate, per la conquista di un riparo che consentisse di superare la notte o per rompere un accerchiamento improvviso. Ma il 26 gennaio a Nikolajewka, i russi, con un'intera divisione attestata sui bastioni ferroviari, decisero di farla finita con quella colonna di tenacissimi disperati che si trascinavano sulla neve. Cinquemila uomini bene armati, freschi, ben nutriti, contro quell'immensa colonna, in testa alla quale solo settecento od ottocento uomini ancora armati, e ancora in forze, attaccarono senza esitazione. Gli altri, aspettavano, affamati, sfiniti, che quei pochi aprissero la via; e quei pochi sapevano che dietro c'erano soldati senz'armi, senza volontà, senza speranza che si trascinavano e gemevano. era rimasto solo un pezzo semovente tedesco, poche armi automatiche, baionette, rivoltelle e accanimento. Tutti insieme quegli uomini, che non avevano più gradi, si buttarono avanti e furono respinti; rientrarono e rimasero in pochi; caddero 40 ufficiali, il colonnello Adami del V, fu ferito ad una gamba, il comandante il II artiglieria a un braccio e non abbandonò il suo posto; il tenente colonnello Baldo della "Vicenza" venne falciato da una raffica. C'erano don Gnocchi, che oggi è il protettore dei mutilatini, cappellano della "Tridentina"; Novello, il pittore, che là era capitano; il baritono Capuzzo coi gradi da tenente colonnello e un giornalista corrispondente di guerra, Gianni Calvi; alto, impassibile col suo viso roseo e sereno, Signorini, il colonnello del VI che morirà poi, improvvisamente, ormai a Schebekino, ormai fuori dalla sacca, schiacciato dalle fatiche e dall'assillo. Tutti si prodigavano, ma non facevano breccia, contro i russi che avevano cannoni, armi automatiche, mortai. Fu a questo punto che il genreale Reverberi sentì che toccava a lui. A lui e a nessun altro. Saltò sul semovente, mise in moto, puntò diritto sul terrapieno e urlò col fiato che ancora aveva: « "Tridentina", avanti! ». Dietro di lui tutti. Gli uomini validi, i feriti che stavano ancora in piedi, gli uomini sfiduciati, i disperati, i decisi, tutti, una furia; e una furia di fuoco che si scatenò da parte del nemico. Gli alpini passarono, sorpresero i russi, li travolsero, li fecero prigionieri, catturarono 14 cannoni, li voltarono contro il nemico e si aprirono la via, dopo quattordici combattimenti, la via del ritornmo in patria."

Tratto da un articolo di Arnaldo Cappellini pubblicato sul settimanale OGGI del 1 febbraio 1951.

« "Tridentina", avanti! ».


PAG. 24/58

Precedente
Precedente
Home
Indice
Successiva
Successiva



Diritti d'Autore Copyright
Questo è un sito non a scopo di lucro.
La grafica, le immagini fotografiche ed i testi sono pubblicati in questo sito solo a scopo di divulgazione culturale.
Le immagini pubblicate in questo sito non sono di pubblico dominio.
La grafica, le immagini fotografiche ed i testi pubblicati in questo sito sono protetti/e dalle leggi internazionali sul copyright.
Le fotografie non possono essere riprodotte, copiate, archiviate o manipolate senza il nostro permesso scritto.
L'uso di qualsiasi immagine come base per un'altra realizzazione fotografica o per un'altra illustrazione costituisce una violazione del copyright.
This is a no profit web site.
The graphics, images and texts are published in this site for cultural diffusion purpose only
No images appearing in this site are of Public Domain.
All graphics, photographic images and texts appearing in this site are our exclusive property and are protected from the international copyright laws.
The photographs may not be reproduced, copied, stored, or manipulated without our written permission.
Use of any image as the basis for another photographic concept or illustration is a violation of copyright.